"La Vita è Bella" with Beatrice Lessi

La Vita è Bella con Beatrice Lessi

Aug 08, 2023The Goddess Collective

La runner e blogger di lunga distanza Beatrice Lessi parla con The Goddess Collective di esperienze estreme, come trovare la felicità nelle piccole cose e consigli su come mettere a tacere il tuo critico interiore.

Parlando con Beatrice Lessi, 57 anni, ci si sente quasi immersi in un romanzo d'avventura femminista. Perché prima che l'italiana di nascita e zurighese decidesse di intraprendere la carriera di ultramaratoneta e blogger, era una cosiddetta "Wolf of Canary Wharf". Più precisamente: Beatrice Lessi è stata una broker di successo a Londra e ha vissuto la corsa all'oro del mondo finanziario durante gli anni '90, ma allo stesso tempo si è confrontata con il lato oscuro di questo apparire ed essere, motivo per cui, a all'inizio del nuovo millennio, ha deciso di mollare tutto e iniziare una nuova vita con il suo nuovo amore Marcel a New York. Nel frattempo, la madre di tre figli vive con la sua famiglia a Zurigo e scrive sul suo blog, www.askthemonsters.com, non solo della sua passione per lo sport, moda, bellezza e viaggi, ma anche di argomenti tabù come la menopausa e il fatto che le donne sopra i 50 anni sono ancora visibili! L'ispiratrice Wonderwoman ci parla delle sfide psicologiche e fisiche, dei suoi sogni e di chi è Beatrice Lessi.

Beatrice, il settore finanziario è ancora un campo dominato dagli uomini. Puoi raccontarci le tue esperienze?
È un problema di per sé quando le donne in tali professioni hanno un bell'aspetto, amano vestirsi bene e poi - come me - hanno un accento (anche se parlo un inglese perfetto, puoi sentire la mia origine italiana). Perché anche se questi sono fattori istituiti dal patriarcato, rendono difficile alle donne l'esercizio della loro professione. Che si tratti del settore finanziario, della scienza, del giornalismo o dell'IT. Sfortunatamente, spesso non vieni presa sul serio, vieni ridicolizzata e/o sminuita.

Come hai fatto a farti valere comunque?
Ho una volontà molto forte e sono una persona testarda. Mi sprona ancora di più quando qualcuno mi dice che non ce la posso fare o ride di me. Nel senso di: "Mò gli faccio vedere io!" Anche se questo atteggiamento mi ha portato molto lontano professionalmente e ho avuto un grande successo come broker, ho pagato un prezzo elevato, fisicamente e mentalmente.

Cosa è successo?
Avevo già lottato con l'anoressia durante i miei studi a Pisa ma sono riuscita a superarla. La situazione a Londra mi ha fatto avere una ricaduta: meno mangiavo, migliore diventava la mia performance, ovvero guadagnavo di più, e mi sentivo (superficialmente) benissimo. E come risultato ho ottenuto molti più riconoscimenti e complimenti dalla società: un circolo vizioso.

Possiamo identificarci molto bene. Come sei riuscita ad uscire da questa spirale negativa?
Grazie al mio amore per mio marito, Marcel. Inoltre, durante la mia prima gravidanza a 34 anni, ho riscoperto la gioia di mangiare. Ho capito che non devi cambiare, ma devi capire e accettare te stessa per come sei.

Hai già iniziato a fare le maratone allora?
Onestamente? Non ero sportiva per niente. Da adolescente, mi sono persino assicurata di essere esonerata dalla lezione di ginnastica in modo da poter dormire due ore in più al mattino! Devo la mia passione per la corsa a lunga distanza e le ultra-maratone più alla mia testardaggine. La storia è questa: quando avevo 40 anni, accompagnai Marcel a cena con i suoi colleghi, discutendo della loro partecipazione alla Maratona di Londra. Questo mi ha portato a dire: "Ci sarò anch'io l'anno prossimo". Naturalmente, questi ragazzi non mi hanno presa sul serio, proprio come facevano i broker nel mio lavoro. Da un lato, questo mi ha innescato; d'altra parte quella reazione mi ha spronato, e subito dopo ho iniziato ad allenarmi.

Oggi sei un corritrice di lunga distanza di successo e partecipi a ultra-trail come la famigerata Marathon des Sables. Come hai gestito questo cambiamento?
Mio marito Marcel è un triatleta. Ha messo insieme un programma di corsa e allenamento per me e mi ha supportata molto nei miei sforzi. Alla fine, sono andata sorprendentemente bene nella mia prima maratona di Londra più di 15 anni fa. Da allora ho corso diverse distanze di 100 chilometri in tutto il mondo e persino ultra-maratone. Quello che sto dicendo è: non è mai troppo tardi per iniziare a fare esercizio o vivere i tuoi sogni, non importa quanti anni hai.

Parlando di vivere i tuoi sogni: hai completato la Marathon des Sables e hai corso per circa 250 chilometri attraverso il Sahara marocchino. C'è stato un momento in cui hai voluto mollare tutto?
Certo che c'era. La Marathon des Sables ti porta su ghiaioni, dune, letti di fiumi e persino tra i beduini. In una settimana, corri sei tappe e porti tutto il cibo, rifornimeti, etc. - circa 10-12 chilogrammi - nello zaino. Inoltre, ci sono differenze di temperatura estreme: durante il giorno può salire fino a 50 gradi sotto il sole cocente, e di notte si dorme sotto tende di tela o all'aria aperta tra i tre ei cinque gradi. Inoltre, devi aspettarti di essere morso da serpenti velenosi o simili. Tutte queste circostanze ti fanno qualcosa, sia fisicamente che psicologicamente. Domande come "Perché ti stai facendo questo?" sono i tuoi compagni costanti.

Cosa ti ha aiutata a sopportare questo tour estremo?
Sono affascinata dalle esperienze borderline. Voglio fare quello che gli altri non fanno, soprattutto in un mondo dominato dagli uomini. Rinunciare era quindi fuori questione per me. Che a sua volta porta al riconoscimento. E mi piace. Quindi ho usato la Marathon des Sables come stimolo per l'ego. Alla fine, perché no? Tuttavia, questo tour estremo mi ha regalato anche esperienze che difficilmente possono essere espresse a parole. E mi ha fatto capire che le piccole cose rendono la nostra vita degna di essere vissuta.

Puoi farci qualche esempio?
Ti confronti con te stesso e le tue paure durante la Marathon des Sables: sei costantemente affamato, non puoi fare la doccia, fa troppo caldo, fa troppo freddo. Ed è qui che entra in gioco la spiritualità: quando non hai niente, inizi a guardare la vita con occhi diversi e ti rendi conto che la vita europea di tutti i giorni è tutt'altro che ovvia. Pertanto, la Marathon des Sables è stata anche un'esperienza spirituale: la gioia delle attività quotidiane, come la gioia di sedersi. O togliersi le scarpe. E la gioia di aiutarsi a vicenda o di poter finalmente accettare un aiuto.

Questo per quanto riguarda la vita di tutti i giorni; che rituali usi per iniziare la giornata?
Per me è: ma prima il caffè (ride)! Poi vado a fare una passeggiata con il nostro cane. Questo mi infastidiva perché il tempo è così instabile qui in Svizzera. Nel frattempo, ho imparato ad apprezzare la natura e a connettermi con la Madre Terra, che è anche una forma di spiritualità per me, poiché questi momenti mi aiutano a schiarirmi le idee.

Qual è il tuo luogo di ritiro?
Il bagno, ho sempre la mia pace lì.

Come ti descriveresti in tre aggettivi?
Energica, curiosa e sexy! (ride).

All'inizio ci hai parlato della tua anoressia. Com'è oggi il tuo rapporto con lo specchio?
Certo, purtroppo ci sono sempre alti e bassi. Ma ho imparato ad affrontarli e ad accettarmi. Oggi sono a un punto in cui posso onestamente dire: "Mi amo così come sono!" Anche le mie rughe sarebbero state inimmaginabili per me in passato.

Qual è il miglior consiglio che tu abbia mai ricevuto?
La notte prima della mia prima ultra maratona in Islanda, ho incontrato un corridore molto esperto e gli ho chiesto consigli mentali. Poi mi ha detto: "Domani, quando corri, non permettere un solo pensiero negativo. Se senti dolore, non pensare: 'Ahi. Mi fa male, ho dolore'", ma cerca di voltarti quel quadro di pensiero nel costruttivo. Ad esempio, "Il mio corpo sta cercando di segnalarmi che ha bisogno di un cambiamento in modo che i miei piedi non facciano più male". Per farla breve: se permetti un solo pensiero negativo, sei fottuto. Ecco perché è un passo alla volta".

Come mettere in pratica questo consiglio nella vita di tutti i giorni?
Ogni emozione è fondamentale e importante per il nostro ulteriore sviluppo. Ma non se ci blocca. Ecco perché cerco di ingannare me stessa non appena riappare il mio critico interiore: ad esempio con esercizi come il power posing prima a una presentazione importante o mordendo una matita.

Mordi una matita?!
Sì, letteralmente. È stato scientificamente provato che quando metti una matita tra i denti, gli angoli della bocca si sollevano e devi automaticamente sorridere. Questo rilascia gli ormoni della felicità e sei di umore migliore.

Qual è il tuo motto nella vita?
Carpe Diem, Bellissime!

 



altri articoli